Scrivici...

Invia Messaggio

Abruzzo 2015: gestione e internazionalizzazione delle reti di imprese

Fonte: Abruzzo Sviluppo

“Dobbiamo lavorare in tre direzioni: verso le persone, e nel caso specifico verso i giovani, per consentire loro di scegliere una formazione di qualità che gli permetta di esprimere al massimo le proprie abilità; verso le imprese, per rispondere alle loro richieste di nuove competenze; verso i territori, per renderli titolari di nuove infrastrutture che le rendano altamente competitive”.

Ha esordito così il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso presentando alla stampa, questa mattina, a Pescara, il del master di II Livello in “Gestione e internazionalizzazione dei sistemi aggregativi di imprese”, promosso da Abruzzo Sviluppo e istituito dalla Giunta regionale nell’ambito del Piano delle Attività di “Abruzzo 2015”, l’Accordo di Programma siglato da Regione Abruzzo e Ministero dello Sviluppo Economico con l’obiettivo generale di caratterizzare il sistema economico regionale nell’ottica dell’innovazione.

Alla conferenza stampa erano presenti anche il presidente di Abruzzo Sviluppo (che, lo ricordiamo, è Soggetto gestore di “Abruzzo 2015”, nonché promotrice del Master) Giuseppe Cetrullo, il rettore dell’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, Carmine Di Ilio, la prorettrice dell’Università di L’Aquila, Anna Tozzi, e Dino Mastrocola, prorettore dell’Ateneo teramano.

Il Master, infatti, è attivato in partenariato e grazie alla sinergia con i tre Atenei abruzzesi, ed è conforme all’interesse della Regione Abruzzo di accrescere l’offerta formativa post-lauream, al fine di elevare la competitività del sistema economico regionale, migliorando le competenze, la professionalità e la capacità di conduzione imprenditoriale nei settori strategici, incrementandone il sapere organizzativo in una prospettiva europea ed internazionale, in particolare con riferimento alla gestione e alla internazionalizzazione dei sistemi aggregativi di imprese.

 D’Alfonso ha definito il Master “Una potente espressione di opportunità che la Regione intende promuovere per migliorare le abilità tecnologiche, linguistiche e operativo-organizzative dei nostri giovani laureati“.

 ”Si tratta di una inziativa di alta formazione – ha ripreso D’Alfonso – resa possibile da dispiegamento delle bravure delle nostre Università e di Abruzzo Sviluppo. Come Regione – ha sottolineato il Presidente – ci stiamo muovendo su questa falsa riga e per il 2015 pensiamo di creare cinque mila opportunità di “Erasmus regionali” con formule da tre, sei e nove mesi che determineranno possibilità di “spaesamento” dalle proprie abitudini di vita per approdare in luoghi anche lontani dove si potranno misurare le proprie capacità intellettuali e lavorative e accrescere il bagaglio di esperienze. A tal proposito, – ha continuato – ho ottenuto la disponibilità ad essere coinvolte nel progetto da aziende multinazionali operanti in Abruzzo ma con strutture anche in altri siti nazionali”.

Infine D’Alfonso ha sottolineato che il Master è una fattiva misura per aumentare la collocazione dei giovani nel contesto lavorativo, ma soprattutto per aiutarli a realizzare, qualitativamente, il proprio potenziale di vita, che può germogliare bene solo in un contesto formativo favorevole.

“Con questo Master – gli ha fatto eco il presidente di Abruzzo Sviluppo Cetrullo – abbiamo voluto cercare di colmare la distanza che spesso esiste tra la formazione teorica e l’applicazione pratica, in ambito lavorativo. Per questo lo abbiamo strutturato in modo che il percorso didattico trovi immediata applicabilità in  tirocini e stage presso aziende abruzzesi”.

Cetrullo, riferendosi ad Abruzzo 2015, che è il Programma dentro al quale ha trovato copertura finanziaria il Master, ha poi sottolineato che le imprese, e in particolare le reti,  devono essere sostenute non solo attraverso i bandi, ma anche con successive azioni di tutoraggio e accompagnamento.

“Dopo aver concluso le istruttorie per i due bandi a sostegno dei contratti di rete e dei loro progetti di innovazione e internazionalizzazione – ha detto il Presidente di Abruzzo Sviluppo – abbiamo recepito un’ulteriore esigenza delle imprese: quella di avere personale qualificato da impiegare e da cui farsi guidare per massimizzare l’esperienza dell’aggregazionismo. Da qui è nata l’dea del Master, che peraltro ha anche il merito di aver messo ‘in rete’, a loro volta, i tre Atenei abruzzesi, che hanno prontamente risposto alla nostra proposta, elaborando sinergicamente volta un’offerta formativa davvero di altissimo livello”.

Il Master, le cui procedure di iscrizione saranno pubblicate a breve sul sito di Abruzzo Sviluppo e su quello dell’Università “D’Annunzio”, sarà attivato tra ottobre e novembre e  mira a formare le seguenti competenze:

  • promuovere un ambiente che favorisca i rapporti collaborativi e l’internazionalizzazione;
  • progettare e gestire processi di aggregazione e internazionalizzazione;
  • tradurre tali processi in vantaggi competitivi e questi in creazione di valore per le imprese.

Il Master attribuisce 60 crediti formativi universitari, corrispondenti a 1500 ore di attività, di cui 400 di didattica in presenza, 150 di stage e 950 di lavoro individuale degli studenti.

Il master è rivolto ad un numero massimo di 20 utenti in possesso di laurea magistrale (o specialistica o del vecchio ordinamento) o di titolo straniero giudicato equivalente e a un numero massimo di 5 uditori.

La sede amministrativa del Master è individuata nell’Università di Chieti-Pescara; la sede didattica nel Dipartimento di Economia aziendale della medesima Università.

Il Master si avvale della seguente struttura organizzativa:

La Direzione scientifica del Master è attribuita al prof. Riccardo Palumbo, mentre il Consiglio Tecnico-Scientifico è composto dai proff.ri Lucio Biggiero (Università di L’Aquila), Raffaele Mascella (Università di Teramo) e Riccardo Palumbo (Università di Chieti-Pescara), dal dott. Riccardo Bertazzo (Abruzzo Sviluppo SpA) e dal dott. Gianluigi Di Martino (Abruzzo Sviluppo SpA).

docenti coinvolti provengono sia dal mondo universitario (prevalentemente dagli atenei abruzzesi), sia dal mondo delle imprese e delle professioni.

Le attività di tutorato saranno svolte da personale qualificato che garantirà la relazione continua tra studenti, direzione scientifica, CTS e struttura amministrativa.

Le metodologie d’insegnamento consistono in:

  • Attività in Aula: lezioni frontali nei corsi; workshop interattivi, seminari tematici e testimonianze; progetti applicativi (hanno l’obiettivo di creare per i partecipanti dei momenti di scambio, di socializzazione e di lavoro di team durante il percorso formativo).
  • Attività fuori Aula: team building con attività outdoor.
  • Studio individuale e di gruppo: per ogni corso è prevista un’attività di approfondimento attraverso lo studio personale che verrà verificato con specifiche attività di verifica.

Le materie di studio verteranno su fiscalità, project management, processi di internazionalizzazione, marketing, gestione dell’innovazione, comunicazione, ICT, ecc.

Il Master è completamente gratuito: i partecipanti non dovranno corrispondere alcuna quota di iscrizione.

***

Abruzzo 2015 è l’Accordo di Programma siglato da Regione Abruzzo e Ministero dello Sviluppo Economico con l’obiettivo generale di caratterizzare il sistema economico regionale nell’ottica dell’innovazione.
Nel dettaglio, questo Accordo di Programma è funzionale al rafforzamento e all’ampliamento delle Reti di imprese e delle progettualità da individuare sul territorio.

L’Accordo ha una dotazione finanziaria di circa 10 milioni di euro che sono stati destinati a realizzare attività mirate alla erogazione di aiuti progettuali (a bando) e alla realizzazione di azioni di sistema (a regia regionale) che hanno consentito alle reti d’impresa di costituirsi e che oggi permettono loro di innovare, valorizzare i sistemi locali, superare i confini regionali, stimolare la crescita delle competenze, abbattere le barriere culturali ed operative, competere su scenari nazionali e internazionali.

Le risorse messe a disposizione dalla Regione Abruzzo, attraverso l’Accordo “Abruzzo 2015”, per i bandi destinati ai contratti di rete ammontano a oltre 9 milioni e 600 mila euro totali.

I due bandi scaturiti da questo Accordo, quello per la promozione e lo sviluppo dei contratti di rete, e quello per l’agevolazione dei progetti di innovazione e internazionalizzazione delle reti, hanno finanziato, rispettivamente, la nascita di 48 nuovi contratti di rete sul territorio regionale, e 35 progetti volti ad innovare e internazionalizzare le produzioni abruzzesi.

Oggi, con il master in “Gestione e internazionalizzazione dei sistemi aggregativi di imprese”, si vuole dare un ulteriore impulso e indirizzo di sviluppo al sistema produttivo regionale formando le professionalità che dovranno gestire, far crescere e far competere sui mercati esteri le aggregazioni imprenditoriali abruzzesi.

Tutte le novità relative al Master saranno puntualmente pubblicate sul sito di Abruzzo Sviluppo.